SciaccaNotizie

Assegnazione di aree nel cimitero comunale, la giunta al lavoro

Deliberato un atto di indirizzo. Si tratta di zone destinate alla costruzione di tombe, sarcofaghi, edicole funerarie, cappelle private di famiglia

Il cimitero di Sciacca

La giunta comunale di Sciacca ha deliberato ieri un atto di indirizzo e i criteri di assegnazione, per la concessione di aree all’interno del cimitero comunale.

Si tratta di aree, si specifica nell’oggetto della delibera, “destinate alla costruzione di tombe, sarcofaghi, edicole funerarie, cappelle private di famiglia e strutture cimiteriali realizzate da enti e sodalizzi da assegnare mediante bando pubblico”.  

È stato rimesso al dirigente del Settore Patrimonio del Comune di Sciacca, che ha proposto il provvedimento, ogni successivo atto gestionale. 

La giunta ha deliberato – si legge in particolare nell’atto –  di “procedere alla concessione delle aree cimiteriali residue e/o con concessioni decadute, individuate a seguito di ricognizione d’ufficio, destinate alla costruzione di tombe, sarcofaghi, edicole funerarie, cappelle private di famiglia e strutture realizzate da enti e sodalizi da assegnare con bando pubblico”.

Le aree saranno concesse “anche per singoli comprensori, facendo salvi eventuali legittimi diritti di precedenti concessionari debitamente motivati e documentati”. L’esecutivo ha disposto “di provvedere all’espletamento delle procedure di concessione mediante pubblicazione di avviso pubblico” stabilendo e dettagliando nella stessa delibera i criteri generali di assegnazione, in sintonia con quanto stabilito dal Regolamento Comunale del Cimitero.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento