SciaccaNotizie

“Dopo di noi”, si avviano gli interventi del distretto Ag7   

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Avviato il piano d’interventi del programma “Dopo di Noi”, iniziativa del distretto socio-sanitario Ag7, con capofila il Comune di Sciacca, in favore di persone con disabilità grave.  

È quanto rendono noto il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alle Politiche Sociali Gisella Mondino nell’illustrare il contenuto del progetto che coinvolge, in questo momento, nove famiglie nel distretto socio-sanitario di cui quattro di Sciacca che hanno presentato istanza a seguito di avviso pubblico. Gli uffici sono al lavoro per estendere il numero di famiglie e, dunque, il numero di ragazzi da avviare in percorsi educativi personalizzati finalizzati all’autonomia, alla crescita, alla socializzazione e all’integrazione.  

Il piano di interventi ha avuto il via libera dal Dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali: “A seguito di verifica della completezza e correttezza formale della documentazione prodotta, con riferimento alla programmazione degli interventi relativi all’assistenza, cura e protezione a carico del Fondo istituito con la legge 112/2016”, il Dipartimento regionale ha comunicato di avere approvato i Piani presentati da alcuni distretti socio-sanitari, tra cui quello con capofila il Comune di Sciacca. I piani sono stati ritenuti “conformi alle norme nazionali e regionali, inclusi gli indirizzi operativi finalizzati alla definizione dei piani distrettuali ‘Dopo di Noi’”.   

Lo scorso anno – si ricorda – il Comune di Sciacca, capofila del Distretto, ha emesso un avviso pubblico invitando gli interessati a presentare domanda per l’accesso ai benefici. L’iniziativa dà seguito alla cosiddetta legge nota come “Dopo di noi” che definisce specifici strumenti giuridici per garantire una effettiva continuità del percorso di vita delle persone con disabilità gravi anche successivamente al venir meno delle figure genitoriali o familiari. 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento