SciaccaNotizie

Rapine in contrada Fontana Calda, i residenti chiedono "aiuto" ai vigilantes

I cittadini aspettano ancora un impianto di videosorveglianza che loro vogliono contribuire a finanziare

Un tratto di via Fontana Calda a Sciacca (foto: Google Street View)

Le famiglie di contrada Fontana Calda, a Sciacca, corrono ai ripari contro i ladri e si affidano ai vigilantes. Undici nuclei familiari - si legge sul Giornale di Sicilia - spendendo 30 euro al mese ciascuno, hanno deciso di finanziare il servizio di vigilanza notturna della zona. 

Dopo una la rapina avvenuta due anni da, con una giovane coppia di coniugi sequestrata, legata e costretta a consegnare 500 euro e un televisore, i residenti aspettano ancora un impianto di videosorveglianza che loro vogliono contribuire a finanziare. 

"Abbiamo cercato con il Comune di trovare una soluzione operativa con un impianto di videosorveglianza – dice il presidente del comitato dei residenti, Accursio Piro – e c’è una nostra sommna, di 5 mila euro, disponibile. Da due anni attendiamo una risposta dal Comune per la tranquillità delle nostre famiglie. Abbiamo dovuto fare ricorso a un’agenzia privata per i controlli. Noi chiediano una risposta in tempi brevi perché ormai sono trascorsi due anni. Il Comune deve mettere sul piatto la sua quota, di 5 mila euro, e l’impianto si può realizzare. Non vogliamo fare polemica, ma chiediamo che questo progetto possa decollare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento