SciaccaNotizie

Gravidanza a rischio, medici salvano mamma e figlio

Grazie ad un lavoro di sinergia e lungimiranza, adesso, la donna ed il piccolo sono fuori pericolo

Le loro condizioni non erano semplici, una mamma ed un bimbo di Sciacca sono stati salvati dai medici dell’ospedale Umberto I di Enna. Secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, la donna – alla sua seconda gravidanza – è arrivata in ospedale con il servizio di trasporto materno assistito. La vicenda dalla mamma di Sciacca è complessa, la donna dopo avere scoperto d’essere incinta ha iniziato ad avere dei problemi.

“Con il passare dei mesi, e dopo svariati controlli - racconta Anna Maria Graffeo al Giornale di Sicilia - mi viene riscontrata la placenta previa”. La notte del 25 aprile la signora è costretta a correre al Pronto soccorso di Sciacca per “una una emorragia non controllabile”. Sono attimi di grande paura, a Sciacca scelgono di trasferire d’urgenza la donna nell’unità di terapia intensiva neonatale. “Mi dissero – racconta la donna - che sarei stata trasferita in elisoccorso all'ospedale Umberto I di Enna. Da lì in poi è stato come entrare in un frullatore, prelievi, controlli ecografici, monitoraggi fetali anche durante il viaggio in elisoccorso”. All’ospedale di Enna i medici dell'Unità operativa  di Ostetricia e Ginecologia riescono a bloccare l'emorragia e la signora rimane ricoverata fino a quando la sera del 20 maggio si ripresenta un'altra emorragia più grave della precedente. Urge un cesareo d'urgenza.

“Il primario, il dottore Giovanni Falzone, arrivò subito nella mia stanza e mi illustrò - ricorda la signora - una situazione in cui potevo subire l'asportazione dell'utero e la riduzione della vescica”. L’intervento va per il meglio, mamma e piccino sono salvi. “Questo caso - dice il dottore Falzone - si aggiunge agli altri che solo nelle ultime settimane hanno visto attivare lo Stam da parte di altre unità operative: Gela, Caltanissetta e ancora di Sciacca e tutti sono stati gestiti in modo soddisfacente presso il nostro ospedale grazie al lavoro integrato delle varie unità operative coinvolte. In particolare è prezioso ed indispensabile il supporto e la grande professionalità dei colleghi della Neonatologia che in modo egregio curano ed assistono i neonati, il più delle volte gravemente prematuri e che necessitano di lunghe cure”. La donna non ha subito interventi demolitivi.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Difese immunitarie: come migliorarle con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

  • Camilleri lotta fra la vita e la morte, Racalmuto lo ha già dimenticato

  • Tagliati 80 alberi d'ulivo, agricoltore nel mirino

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento