SciaccaNotizie

Centro medico legale Inps, il sindaco: "Non deve chiudere"

Francesca Valenti ribadisce "l'importanza strategica e l’insostituibile funzione della struttura"

Il sindaco Francesca Valenti

Il sindaco Francesca Valenti è tornata a sollecitare i vertici nazionali e regionali dell’Inps per il mantenimento del centro medico legale a Sciacca. La scorsa settimana ha inviato una nota per ribadire quanto già espresso nel marzo del 2018, sollecitando l’Istituto di Previdenza “a rivedere i propri piani tenendo conto delle peculiarità del Centro Medico Legale di Sciacca, la sua riconosciuta importanza strategica, l’insostituibile funzione della struttura, imprescindibile punto di riferimento di decine di comuni di ben tre province della Sicilia, Agrigento, Trapani e Palermo, e di migliaia di cittadini impossibilitati ad affrontare lunghi e disagevoli tratti di strada per raggiungere altre sedi”.

Oggi il sindaco Francesca Valenti ha scritto una nuova lettera al presidente nazionale dell’Inps Pasquale Tridico comunicando il sostegno di altri amministratori, “tanti sindaci che hanno preso posizione, e altri sono in procinto di farlo, per esprimere incredulità e stupore per la paventata chiusura del centro medico legale Inps presente nell’agenzia complessa di Sciacca. Sono a conoscenza di lettere già sottoscritte dai Sindaci di Villafranca Sicula, Santa Margherita di Belice, Ribera, Calamonaci, Caltabellotta, Menfi, Burgio, Sambuca di Sicilia, Montevago, Lucca Sicula”.

“Nel sentirmi confortata dall’azione di tanti Sindaci che si sono fatti interpreti, ognuno, delle pressanti istanze di migliaia di cittadini, - scrive il sindaco Francesca Valenti al presidente nazionale – ho chiesto un incontro al Direttore regionale dell’INPS Sicilia per essere rassicurata sul futuro del centro medico legale di Sciacca riservandomi ulteriori iniziative. Ma confido in un Suo autorevole e positivo intervento”.    

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento