SciaccaNotizie

Emergenza rifiuti verso la soluzione, via libera alla riapertura della discarica

Il sito di “Saraceno-Salinella” tornerà operativo e sarà riavviato l’impianto di compostaggio di contrada Santa Maria: il governo regionale ha trovato la soluzione

Riaprirà la discarica “Saraceno-Salinella” a Sciacca e contemporaneamente sarà riavviato l’impianto di compostaggio di contrada Santa Maria. E’ questo il risultato della riunione organizzata, nella sede del Palazzo del Governo a Catania, dal dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti Salvatore Cocina, su disposizione del presidente della Regione Nello Musumeci.

Un momento di confronto – con i rappresentanti del Comune di Sciacca, del Libero consorzio comunale di Agrigento, della “Srr Agrigento ovest” e della Sogeir Gis Impianti - per affrontare le criticità igienico-ambientali dei Comuni ricadenti nel territorio di competenza della “Srr Agrigento ovest”, causate dalla contemporanea chiusure delle due strutture.

La Regione ha ricordato che la responsabilità della gestione dei rifiuti e la realizzazione degli impianti è in capo ai Comuni che sono soci della Sogeir e che avrebbero dovuto esercitare il controllo e vigilare sulla società per la corretta gestione della discarica e dell’impianto di compostaggio. Le ultime notizie davano una capacità residua e una certa vita utile della discarica stessa. I Comuni devono pagare tutti i servizi alla Sogeir, che vive a causa di ciò una grave crisi finanziaria.

Durante la riunione sono state valutate e pianificate diverse soluzioni, a breve e a medio termine. Come soluzione temporanea, verrà emanata un’ordinanza urgente, da parte del sindaco di Sciacca, per l’immediata riapertura - una volta acquisiti i pareri di Asp e Arpa - della discarica ai conferimenti e, quindi, anche agli scarti di lavorazione giacenti presso l’impianto di compostaggio di contrada Santa Maria. Un provvedimento che consentirà a tutti Comuni di conferire la frazione organica dei rifiuti. Seguiranno altre soluzioni a brevissimo termine, quali l’autorizzazione regionale all’ampliamento dell’impianto di 14mila tonnellate e l’avvio dell’iter per un ulteriore aumento di 100mila tonnellate.

La Regione ha, inoltre, recentemente finanziato una vasca da 500mila tonnellate e un impianto di Tmb che consentirà il conferimento dell’indifferenziato, che oggi viene trasportato fuori provincia, con il conseguimento di notevoli economie. L’attenzione della Regione al territorio rimane alta ed è stata fissata un' altra riunione tecnica che si terrà presso il competente dipartimento, giovedì 9 maggio, per valutare ed esitare l’istanza di ampliamento presentata dalla Sogeir.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento