SciaccaNotizie

Terme di Sciacca, Turriciano: "Sfratto pronto per la polizia municipale"

Secondo il liquidatore che è ormai alle battute conclusive del suo mandato, “quella sede viene occupata abusivamente”

Le Terme di Sciacca

La polizia municipale deve andare via dalla sede dell’ex motel Agip. Lo sfratto è già pronto. Il liquidatore delle Terme di Sciacca, Carlo Turriciano, ormai alle battute conclusive del suo mandato, afferma che “quella sede viene occupata abusivamente”. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Il Comune è creditore della Terme di Sciacca in liquidazione per circa 800 mila euro di tributi locali non pagati.

Mercoledì 25 novembre, intanto, è atteso l’arrivo a Sciacca dell’assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei, per la cessione al Comune di una parte del patrimonio delle Terme. Poi il Comune dovrà occuparsi della gara per l’affidamento a un privato. Il Comune riceverà subito il Grand Hotel delle Terme, lo stabilimento termale, le piscine del parco, quelle dei Molinelli e il convento San Francesco. Restano fuori le stufe del Monte Kronio e i due alberghi di San Calogero oltre all’ex Motel Agip.

Mangiacavallo: "Le Terme di Sciacca usate ancora per propaganda elettorale"

"Sto mettendo in regola dal punto di vista catastale i beni che si trovano sul monte San Calogero che poi saranno passati alla Regione per chiudere il debito da un milione e 200 mila euro. Per il resto ho intimato al Comune di lasciare il Motel Agip che occupa abusivamente. Adesso sto passando allo sfratto - ha spiegato Turriciano al Giornale di Sicilia - anche se sono stato contattato dal sindaco e spero che si possa chiudere anche questa vicenda tenendo anche conto di un debito della società nei confronti del Comune. Se non si trova un accordo ci sarà lo sfratto. Il sindaco mi ha contattato per un incontro che ci sarà tra qualche giorno".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento